La riflessione del momento in cui cogli l’essenza (subito prima che arrivino i veneti con la radio a palla)

Togli le ali a una farfallina

e diventa un tafano.

Ci facciamo veramente portare per il culo dalle apparenze.

image

(La frase mi è venuta così, in un posto paradisiaco ma col tempo contato – aaargh! sconforto infinito… ma anche grande disponibilità al presente -.

La frase mi è venuta così, dicevo, con la locuzione “portare per il culo”, come si dice qui; non “prendere”, o “pigliare”, come si usa da me.

Da me la gente ti piglia per il culo: a un certo punto poi va via e continua la sua vita.

Qui, se te lo meriti, ti portano per il culo. Avanti, e avanti.

Sottili riflessioni linguistico-filologico-sociali da vacanza. Da attimi di vacanza).

Carta: tutto quello che ricorda più uno svolazzo di inchiostro che una fila di letterine precise e uguali. Quello che andrebbe piegato in quattro e messo in tasca.

photo credit: soulsurfer3 via photopin cc

Annunci

2 thoughts on “La riflessione del momento in cui cogli l’essenza (subito prima che arrivino i veneti con la radio a palla)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...