Mondo di blog

Scrivere mi ha salvato.
Strano, no? Si pensa spesso, soprattutto “da grandi”, che siano i fatti quelli importanti; ché le parole son solo parole.
Chissà, se non avessi iniziato da piccola, se non fosse diventato quasi da subito il mio canale. Chissà dove sarei ora, che faccia avrei; chissà se ci sarei ancora.
Metterle giù, le cose, mi ha aiutato a guardarmi dentro, ad accettarmi. La pagina, quella pagina bella scritta a mano, mi ha ascoltato negli anni in cui ero alla disperata ricerca di un interlocutore. Che magari avevo, ma non vedevo.

E ora questa cosa del blog mi piace assai.
Ho cominciato per salvare alcuni pezzettini, qualche riflessione, che altrimenti sarebbero forse svanite con gli anni, o magari in un giorno solo. Un sostituto del taccuino, più organico, più ordinato, che non fosse possibile perdere in qualche angolo polveroso della casa.

Ho cominciato per spingermi a scrivere con una certa regolarità, perché era fin troppo facile nascondersi dietro il pretesto della mancanza di ispirazione; troppo spesso mi negavo lo sfogo che trovi nel movimento fluido della penna, che riesce in qualche modo a dare un ordine a quello che vedi e che senti, che ti fa sentire più leggero, a volte anche entusiasta per essere riuscito a esprimere un pezzetto di te, a lasciar giù una foto di come vedi il mondo.

Quello che non mi aspettavo è il panorama che mi si è aperto davanti.
Quello che non mi aspettavo era la bellezza profonda e carezzevole che ti abbraccia quando leggi quello che scrivono gli altri.

origin_4866638272

La mia percezione è che oggi spesso le persone cerchino di risolversi tutto da sole; è raro che un passante ti ricambi il sorriso, e la confidenza trova spesso in risposta la diffidenza.
Davanti a questo panorama, è bello accendere il computer e sentir risuonare i pensieri degli altri, le loro confidenze; confrontarsi con loro, sentirsi meno soli.

Non è poco, e si merita un Grazie.
Grazie a chi si mette giù con sincerità sulla pagina, a chi trova nello scrivere quello che trovo io, a chi mostra la sua anima, le sue gioie e i suoi scazzi.
Forse l’allenamento ci aiuterà a sorridere di più ai passanti; che magari non vedono l’ora di arrivare a casa per scrivere due righe.

Vetro: tutto quello che è trasparente, duraturo, e va trattato con delicatezza. Quello che può contenere una nave o la marmellata fatta in casa.

photo credit: Βethan via photopin cc

Annunci

2 thoughts on “Mondo di blog

  1. La scrittura, un mezzo bellissimo per salvarsi, sono d’accordo. Ma anche un’arma potente per difendersi da un mondo che privilegia la mediocrità e la banalità. Come la danza, la pittura, la musica, lo sport. O come molti svaghi appassionanti: far volare gli aquiloni, pasticciare con la plastilina, cucire bamboline di scampoli, costruire robot con i tappi di birra. Fosse per me, renderei obbligatorio per legge avere un passatempo impegnativo e gratificante. In giro ci sarebbero meno musi lunghi e più sorrisi. Ciao Ragazza, vai forte! Luigi

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...